La Flauta

The Ridiculous Blog of a Blonde Flutist

Copia Privata? Equo compenso?

| 4 commenti

Sono così stanca di parlare di Siae. Così stanca.
Ma in settimana ci son stati due avvenimenti: il resoconto semestrale, con cui ci mangio una pizza, e una zelante mail della sede centrale.
Quando mai Siae ci ha mandato una mail? Incredibile.

Forse vuole dirci che…

d’ora in poi comunicheremo così. Niente autorizzazioni, programmi musicali, modelli da ritirare in sede provinciale, ora è tutto online, basta con i mandatari (a volte truffaldini), basta con i depositi fatti per posta su modelli firmati in calce e scritti a mano, da adesso tutto viaggerà per email.

i borderò saranno online, compilati in parte prima in parte dopo in concerto. I controlli vengon fatti con programmini stile Shazaam o Soundhound. Tabelle precise e uguali per tutt’Italia. Ricezione senza errori del programma musicale e distribuzione dei diritti in modo analitico, quindi tutti, proprio tutti, specificatamente.

– sezione online in cui gli autori segnalano l’uso dei propri brani (trasmissioni radio, tv, spot..), così ne beneficiamo sia noi autori che la casamadre.

– libertà dell’autore di decidere per il common creative, qualora ne sentisse la necessità (beneficienza, eccetera).

– istituzione del diritto di improvvisazione e di arrangiamento, figata, come in Francia! Se incido un arrangiamento  e improvviso su “La Gatta” di G. Paoli, ora 1/12 è destinato a me!

– …. han deciso di equilibrare la tassa di iscrizione in base al “giro d’affari” di ogni autore… Quindi io che prendo meno di 50 euro l’anno pago meno di chi ne prende 500mila.

 

….ah no. Mi chiedono di aderire ad una petizione. Guarda, l’ha già firmata Baglioni, Gualazzi, Elisa, Pausini, Verdone (Verdone??), … manco solo io.
Spe’… è la petizione che “aumenta” la quota sulla copia privata? Quindi la pagherò pure io, o meglio, già la pago, semmai la pagherò di più, in quanto consumatore.  Sul telefono, sul tablet, sulla chiavetta USB.

Però ne guadagnerò io come autAH NO, guadagnerei solo se fossi tra i più “trasmessi” autori d’Italia.
Dicono che magari penseranno ad una quota per i giovani autori. Dicono, così, per fare bella figura.

Ma io non sono giovane. E faccio jazz. E mi trasmettono ogni tanto, ma boh, sul resoconto non c’è traccia. Ed il brano più trasmesso in radio è “Get Lucky”, ecco, i soldi andranno a Get Lucky, mica a Music Power.

Lo so che siamo una rogna, noi piccoli autori. La Siae dovrebbe esser fatta solo da loro vip, noi siamo inutili (fino a che non serva la nostra firma…). Il problema è che non ci è concesso fare una succursaleSiae-per-sfigati, abbiamo una unica opzione, per legge.

Quindi? …  Non so voi. Ma io non firmo. Ma col cavolo proprio.

Anzi: firmo contro. Fatelo anche voi (a questo link, metà pagina) . La campagna la promuove Altroconsumo, ha già presentato le firme al Ministro Bray, che aveva sospeso infatti l’approvazione a tale aumento… Mo’ si ricomincia con Franceschini. Facciamoci sentire.

…amici Siae, lo so che vi state dannando per far passare questa legge (articoli, riunioni coi ministri, …addirittura mail nominali agli associati..), sarebbe tanto bello impiegaste tutte queste energie in altro verso:  i problemi sono altri.

 

 

4 commenti

  1. Bello , bello … fammi capire … pago una tassa su un supporto dati perchè potenzialmente potrei metterci della musica … però non abbastanza quindi la devono alzare … mmmh

    Ah ma aspetta … su un supporto dati si possono mettere … uhm … dati … quindi “potenzialmente” anche porzioni di codice che ho scritto io …
    Quindi … uhm … spetterebbero dei soldi anche a me ?

    Però aspetta … se prendessi certa gente e avessi una penna usb di dimensioni ragguardevoli … potrei “potenzialmente” usarla per infi******** *** **lo … quindi … uhm … bisognerebbe istituire una tassa per istituire una cassa sanitaria per le spese mediche relazionate a tale utilizzo …

    Il problema è che se mi fanno pagare per qualcosa che non uso … beh potrebbe venirmi voglia di smettere di comprare CD o tracce su iTunes e far largo utilizzo della copia privata …

    E più mi fanno pagare … più aumenta la voglia …

  2. Attenzione, la “tassa” (diciamolo piano, che Siae non vuole si dica “tassa”, ma “compenso”..) esiste già. Qui si parla di AUMENTO. E mica di poco.

  3. Hai colto nel segno! Poi ci vengono a dire che l’aumento lo pagheranno i produttori, ce la vedi la Apple che non aumenta i prezzi per dare soldi di tasca sua a Gino Paoli & friend? Per questo e tanto altro stiamo promuovendo questo evento: http://andreacaovini.wordpress.com/2014/03/02/12-aprile-2014-primo-evento-nazionale-esente-siae/

    Un saluto!

  4. ciao, ritorno qui dopo mesi e ancora non è cambiato nulla, che tristezza.
    anch’io ho ricevuto la stessa mail e ricopio qui la mia risposta (che ho inviato ad altri due uffici per conoscenza, giacché quella mail viene da un indirizzo noreply e sul sito SIAE non compare la mial del Presidente…):

    Gentile Sig. Paoli e Gentili Signori,
    vi scrivo perché non solo trovo vergognosa la richiesta di adesione alla petizione e la battaglia che state conducendo – usando strumentalmente il diritto d’autore per ottenere un mero guadagno senza nessun collegamento con il reale utilizzo delle opere dell’ingegno da voi tutelate – ma per segnalarvi che in tutti i modi l’accesso al sito mi è precluso non essendo più (almeno credo ma in effetti non mi è mai stata data comunicazione ufficiale in merito) iscritto alla SIAE, essendomi rifiutato di pagare il saldo da voi richiesto per l’anno 2013, dopo un ingiustificato aumento della quota associativa annuale che solo la vostra società, in Europa e forse anche nel mondo, richiede in questa forma ai suoi iscritti.
    Vi prego pertanto di non disturbarmi più con questa e altre richieste e, contestualmente, di inviarmi comunicazione ufficiale in merito alla mia posizione presso di voi e al destino del repertorio a mio nome depositato presso di voi, al fine di poter poi procedere all’iscrizione presso un altra società straniera o alla tutela delle mie composizioni in altre forme previste dalla legge nell’ambito di licenze Creative Commons.

    contestualmente conto di aderire all’evento esente SIAE di cui si parla nel commento precedente.

Lascia un commento

I campi obbligatori sono contrassegnati con *.